Crea sito

La mia analisi : Il Bianco ha un pedone in meno e i pedoni a2 ed e5 deboli. Anche il pedone f2 è debole, dato che potrebbe essere catturato impunentemente dal Nero con Cxf2 ( il Cg4 potrebbe anche catturare il pedone e5). Il compenso del Bianco è costituito dal suo maggiore sviluppo, dalla situazione esposta del Re Nero e dalla posizione indifesa della sua Donna. Quest'ultima può essere attaccata con Tc2 e Tfb1. Le Torri del Nero sono ancora nelle posizioni di partenza e il Cf8 impedisce al Nero l'arrocco, anche se potrebbe muovere in e6, da dove guadagnerebbe un tempo sull'Ag5. Evidentemente il Bianco non deve dare il tempo al Nero per la mossa Ce6, nè per la mossa Cxe5. In pratica gli unici pezzi attivi del Nero sono perciò i due Cavalli. Il fattore più importante della posizione è, secondo me, la situazione in cui sitrovano la Donna nera ed il Re nero. Il Re nero è "quai matto", basterebbe al Bianco avere la disponibilità della diagonale a4-e8 per dare matto con Ab5. Per avere questa disponibilità bisognerebbe riuscire a deviare momentaneamente sia l'Ad7 dalla diagonale a4-e8 che la Db2 dalla colonna 'b'. Ma questo per realizzare lo schema di matto con i due Alfieri in g5 e b5. Il Nero però sarebbe matto anche con la Donna bianca in e7 o il Cavallo bianco in c7 o d6, o ancora con Tc8, quest'ultima possibilità nel caso si riuscisse a deviare la Ta8 dall' ottava traversa. Tutte queste possibilità tattiche, a "metterle insieme" per una combinazione "stellare", sono troppe per me, siccome non ci vedrei bene, credo mi limiterei a giocare 1. Tc2, Db6; 2. Tfb1, Dc7; 3. Cxd5,  [se ..., Dxe5; 4. De4; se... ,cxd5; 4. Txc7, Axa4; 5. Te7+,  e qui mi fermerei nel calcolo perchè mi sembra di aver visto abbastanza per vincere: pur avendo sacrificato ulteriormente un Cavallo otterrei il raddoppio delle Torri in settima con i due Alfieri a supporto, mentre il Nero avrebbe ancora le Torri passive nelle loro case di partenza e i due pezzi fuori, Aa4 e Cg4 che potrebbero fare solo da spettatori.

La lezione del GM Schwartzman: Il concetto di "minaccia" sembra molto facile. Cosa c'è di così difficile nel capire che si sta minacciando qualcosa? Nulla! D'altra parte, creare ottime minaccie è tutto un altro discorso. Vedete, non ci vuole molto per creare una minaccia. Ma se la minaccia è facilmente visibile dall'avversario, allora si può star certi che questi la vedrà.  Specialmente se state giocando contro un forte giocatore. Inoltre, se state attuando una singola minaccia, allora il vostro avversario non solo la vedrà molto più facilmente, ma prenderà tutti i provvedimenti necessari a fermarla. E una volta che l'avra fermata, resa vana, non avrete guadagnato gran chè. Naturalmente, ciò non significa che le minaccie siano una cattiva strategia. Al contrario, possono aiutarvi a svilupparvi più velocemente, a creare o mantenere l'iniziativa, disturbare l'avversario, e molte altre cose positive come queste. Nonostante ciò, quello di cui mi piacerebbe parlare, relativamente alla posizione in studio, riguarda la "la minaccia perfetta"!. A cosa mi riferisco quando parlo di "minaccia perfetta"? Mi riferisco ad una mossa che crea non una sola minaccia, ma molte altre!. Minaccie non tutte facilmente visibili. Una di queste potrebbe magari essere visibile, e il vostro avversario potrebbe anche vederla, ma allora forse egli sarà indotto a pensare di avere trovato LA minaccia, essere contento e soddisfatto per averla vista, potrà magari rispondere a questa minaccia visibile, semplicemente senza aver cercato di scoprire se ve ne fossero di altre. La minaccia realmente "perfetta" minaccerà tante di quelle cose che, se anche l'avversario dovesse vederle TUTTE, egli non potrà effettivamente difendersi da tutte! Questo è quello che chiamo "la minaccia perfetta"!
Allora, come si fa a creare questa mossa perfetta di cui parlo? Bene, tutto comincia con l'analisi della posizione. Specificatamente, sono della massima importanza le debolezze della posizione dell'avversario. Ma usiamo la posizione in studio come esempio.

Come potete vedere, il Nero ha un pedone in più. Comunque il Nero sarebbe felicissimo di restituirlo, dato che per colpa di questo pedone in più ha dovuto subire un certo danno posizionale. Prima di tutto, si sono molte cose ovvie, come il non avere la coppia degli Alfieri, non avere ancora arroccato e l'avere alcuni pezzi buttati lì in modo sparpagliato... un Cavallo in f8, un altro in g4, la Donna in b2, e così via. Adesso però bisogna cominciare a notare le debolezze molto più importanti, come la Donna in b2 che non è solo buttata lì a casaccio, ma in realtà è indifesa e in pericolo di essere intrappolata. Similmente, il Cg4 sta in verità minacciando attivamente il nostro pedone e5, ma a parte ciò anch'esso ha ben poche case dove andare.
Ci sono alcune "ammaccature" nella struttura pedonale del Nero. Il pedone b7 è debole, specialmente per il fatto che si trova su colonna aperta, e poichè il Nero non ha arroccato, anche il pedone g7 è indifeso. Finalmente, diciamo qual'è  forse la più grossa debolezza del Nero: il suo Re. Nonostante stazioni in e8, che dovrebbe essere una casa sicura con tanti pezzi intorno, in realtà il Re ha grossi problemi. Attualmente non ha alcuna casa libera dove andare e ci sono almeno tre semplici schemi di matto che si possono facilmente individuare: un Cavallo bianco in d6, o in c7, o una Donna bianca in e7.
Bene, penso che abbiamo scavato abbastanza - abbiamo trovato abbastanza "sporcizia" nella posizione del Nero. Adesso la questione diventa come avvantaggiarsi di tutto ciò. Poichè siamo sull'argomento della "minaccia perfetta", dovete avere già realizzato che stiamo parlando di una mossa che si avvantaggi non di una sola di queste debolezze, ma di più debolezze e, possibilmente, di tutte. E infatti questa mossa "perfetta" è la 1.Dd4!!

Una mossa veramente senza molte pretese (un'altra grande caratteristica per una minaccia), ma quanto potente...La prima cosa che questa Donna fa è la cosa più stringente: difendere il pedone e5. Ma allora, dove diavolo sta la minaccia? La risposta sorge spontanea nella forma di due delle debolezze che abbiamo menzionato prima: il Re e la Donna. Vedete, portare un Cavallo in c7 o in d6 per dare il matto non è affatto facile, con così tanti pezzi del Nero nel mezzo. Adesso però è tutta un'altra storia. Dato che se il Cc3 adesso muove, non può essere catturato a causa della minaccia alla Db7, E naturalmente, neanche la Db7 potrà muovere, a causa delle minaccie di matto. Perciò, 2. Ce4, 2. Cb5 e 2. Cxd5 sono minaccie chiare ed immediate, per non menzionare quelle molto pericolose. Ma questo non è tutto!! Molte minaccie si basano sulla struttura pedonale. Dato che la nostra Donna adesso difende il Cc3, improvvisamente 2. Tb1 seguita dalla cattura in b7 è una minaccia molto potente - penso veramente che il Re nero non potrà sopravvivere a lungo con una Torre così troppo vicina. E per ultimo ma non ultimo, c'è il pedone in g7. Con la Donna bianca sulla stessa diagonale, pure 2. e6 diventa una minaccia!. Impossibilitato a Ce6, a causa della necessità di avere una linea aperta tra l'Ad7 ed il Cg4, il Nero avrà il problema di cercare di non perdere il pedone g7. E ancora una volta, il Nero avrà perso molto di più di un semplice pedone! Insomma, la Donna bianca in d4 sarà abbastanza dannosa alla posizione del Nero, già di per sè stessa, per il solo fatto di trovarsi in d4.
Vedete perciò che tutte queste minaccie, prese singolarmente, possono essere parate abbastanza facilmente. O difendendo i pedoni, o muovendo la Donna, o creando una casa extra per il Re. Ma a causa del fatto che esse vengono portate contemporaneamente, il Nero semplicemente non avrà abbastanza mosse per difenderle tutte. Ci sarebbero troppe cose da fare con una singola mossa a disposizione (sebbene il Bianco abbia provato, con Dd4, che molte cose insieme possono essere fatte da una singola mossa, paradossalmente) e difendere tutte queste minaccie è semplicemente impossibile...
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
N.d.T.: La posizione iniziale è tratta dalla seguente partita (14.ma mossa)
Yusupov, Artur - Nogueiras, Jesus (Montpellier, 1985)
1.d4 d5 2.c4 e6 3.Nc3 c6 4.Nf3 Nf6 5.Bg5 Nbd7 6.cxd5 exd5 7.e3 Bd6 8.Bd3 Nf8 9.Ne5 Qb6 10.0-0 Bxe5 11.dxe5 Ng4 12.Qa4 Qxb2 13.Rac1 Bd7 14.Qd4 f6 15.exf6 gxf6 16.Bxf6 Rg8 17.Nb5 Qxb5 18.Bxb5 Ne6 19.Qb2 cxb5 20.Bh4 1-0