Crea sito

La mia analisi: Il materiale è pari. Il Bianco ha un pedone debole in b2 (non fissato), il Nero nessun pedone debole. Il confronto fra i pezzi è favorevole al Nero: la Td8 è molto ben coordinata sia con il Cc5 che l'Aa4, a causa del forte controllo sulle case d1 e d3. La Tc3 del Bianco sulla terza traversa dispone solo della casa e3 e sulla colonna 'c' è semplicemente bloccata dal suo stesso pedone in c4. Anche l'Ae2 soffre di un blocco simile, questa volta per colpa non solo della posizione del pedone c4 ma anche del Cf3. Anche quest'ultimo è abbastanza paralizzato, dato che non ha disponibili nè la casa d4 che la casa d2. Dalla casa e5 potrebbe essere facilmente cacciato con la semplice spinta di pedone f6. Neanche a dire che la ritirata in e1 (sperando in e1 - d3) sarebbe un insuccesso per il fatto che non solo blocca la Tf1, ma permetterebbe subito l'entrata in settima da parte della Td8. Certo è che il Bianco potrebbe sperare nella cacciata del Cc5 tramite la spinta in b4, in modo poi da spingere il pedone c4 liberatosi, ottendo così l'attivazione dell'Ae2. Dato che attualmente, se il Nero gode del vantaggio posizionale, questo si trova nella paralisi di cui soffrono i tre pezzi del Bianco (la Tf1 non ha case migliori sulla prima traversa, forse c1, ma fintanto che il Bianco mantiene il blocco sul pedone c4...), il Nero deve prioritariamente mantenere questo blocco. Il Nero non teme Ce5 perchè ha l'immediata occupazione della seconda traversa del Bianco con la propria Td8, che risulterebbe un attacco doppio se non fosse per la possibilità del Bianco di spingere in b4 con attacco sul Cc5.
La conclusione è che il Nero deve temere molto per la spinta del pedone b2 sia in b3 che in b4 (nel primo caso la cattura del pedone libererebbe la Tf1 dandole gioco sulla colonna 'b' apertasi, nel secondo il Bianco otterrebbe spazio e controgioco sull'ala di Donna). Ecco perchè al Nero non basterebbe 1..., a5, dato che non impedirebbe b3! Allora forse il Nero dovrà proprio bloccare il pedone b2 con un suo pezzo in b3: meglio 1..., Ab3, mantenendo il controllo originario sulle case d1 e d3. Successivamente, con le spinte f6, e5 - e4 potrà cacciare il Cc3 ed ottenere il controllo completo della colonna 'd'.

La lezione del GM SchwartzmanDevo ammettere che avendo 23 anni, non posso sembrare la persona adatta a parlarvi degli scacchi sulla scorta di una lunga esperienza. O almeno, questo è quello che può sembrare a prima vista. In realtà, invece, ho speso una buona parte di questi 20 anni a giocare a scacchi, avendo giocato tante partite quante molte altre persone nella loro intera vita... E' solo sulla scorta di una tale esperienza che posso parlarvi di uno dei temi più difficile del gioco : come vincere quando avete sulla scacchiera una posizione superiore! ( o come vincere una partita vinta?!).
Potrà sembrare un paradosso ma credetemi, non lo è affatto! Raggiungere una posizione superiore in una partita è solo metà del lavoro. La vera lotta comincia proprio quando volete vincere la partita, proprio quando vi trovate in posizione superiore. Due cose entrano in gioco a questo punto: la psicologia e la psicologia.
La prima riguarda noi stessi. Quando ci troviamo in una posizione superiore, la maggior parte di noi tende a rilassarsi. Forse è un rilassamento inconscio - dopo tutto, sappiamo bene che non dovremmo farlo - ma il fatto è che la reazione diventa naturale, quando le cose ci stanno andando bene. Questo fatto ci porta a giocare con minore concentrazione, e mentre in certe circostanze ciò può essere un fattore positivo, purtroppo, normalmente, significa anche che giocheremo mosse meno precise.
Lo stato psicologico del vostro avversario ha pure i suoi effetti. Uno è il così detto "effetto d'angolo". Proprio come un pugile messo all'angolo, egli si concentrerà al massimo delle sue possibilità, aspettando l'occasione buona per liberarsi dalle corde. Questo desiderio di liberarsi, spesso causato dalla disperazione, spesso crea le condizioni buone per riuscire a trovare le mosse più brillanti. Per non parlare del fatto che il gioco in difesa spesso risulta facilitato dal semplice processo di eliminazione delle mosse peggiori: se c'è una sola mossa che "funziona", basterà sbarazzarsi di tutte le altre...
Tutte queste sono le ragioni per cui risulta difficoltoso vincere una partita in posizione superiore. Conoscendole, dovrebbero aiutarvi a fare un buon lavoro, sulla scacchiera, eppure non è affatto facile, come ho sperimentato personalmente un gran numero di volte.
Ad ogni modo, dopo la lezione precedente, il puzzle in questione oggi è un eccellente prosieguo. Abbiamo imparato, nella lezione precedente, l'importanza di avere il completo dominio della scacchiera, e quanto vitale sia la necessità di riuscire a mantenerlo. Se lo avete ben compreso, allora non dovreste avere problemi a trovare la mossa giusta nella nostra posizione
Di nuovo, abbiamo una posizione migliore per il Nero. Questa constatazione, di per sè, certamente è molto incoraggiante, tuttavia è lontana dall'essere sufficiente alla vittoria immediata del Nero.
Ma più concretamente, per quali motivi la posizione del Nero è superiore?
Due sono le ragioni principali: il controllo della colonna 'd' e la posizione dei pezzi. La prima si spiega da sè, mentre la seconda discende dal confronto tra i due pezzi minori. Il Cc5 del Nero è semplicemente magnifico, mentra l'Aa4 sta facendo il lavoro più importante: controlla la casa chiave d1, garantendo al Nero una specie di "eterna supremazia" sulla colonna 'd'. Quest'ultima è l'unica colonna aperta nella posizione, la qual cosa la rende doppiamente importante e significativa...
Ancora una volta, semplicemente acclamare all'esistenza di queste favorevoli condizioni non può essere sufficiente. Dobbiamo invece concentrarci sulla possibilità di mantenerle, queste condizioni favorevoli! Il rimedio corretto, come nel precedente puzzle, è: trovare qual'è il piano di liberazione del Bianco, e frantumarlo, schiacciarlo! Anche in questo caso il Nero ha a disposizione un contro-piano piuttosto facile da trovare ...
Spero non avrete dubbi che l'intenzione del Bianco, per liberarsi, sia quella di spingere b2-b4. Questa mossa ricaccerebbe il Cc5 e contemporaneamente stabilizzerebbe una forza potente, nelle mani del Bianco, sull'ala di Donna e, non ultimo, minaccerebbe di rendere senza valore la colonna 'd', tramite l'apertura della colonna 'c' che resterebbe di proprietà del Bianco. Cosa deve fare allora il Nero? Semplicemente: bloccare b2-b4!  C'è solo una mossa che fa questo lavoro efficacemente: 1...Bb3!




Quello che riesce a fare questa piccola e semplice mossa, è di frustrare tutte le speranza di liberazione del Bianco. Essa "annuncia a tutto il mondo" che il Cc5 lì deve stare, per tutto il tempo che vorrà, e che in b3 l'Alfiere risiederà per una "lunga vacanza", con altrettanta soddisfazione. Tutto ciò risulterà in estremo fastidio per Bianco, per due semplici ragioni: la colonna 'd' definitivamente sotto il controllo e possesso del Nero e la formazione dei propri pedoni sull'ala di Donna congelata in una configurazione tutt'altro che ideale. Entrambi i pedoni in b2 e c4 sono e rimarranno deboli per lungo tempo, tutto il tempo necessario al Nero per farli diventare obiettivi di attacco nella fase finale della partita. Aggiungete pure che il Nero potrà spingere a7-a5-a4, installando il suo piccolo blocco per sempre. Avrete letteralmente "soffocato" il gioco del Bianco...
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
N.d.T.: La posizione iniziale è tratta dalla seguente partita (18.ma mossa)
Smyslov, Vassily - Glicoric, Svetozar (Mosca, 1979)
1. Nf3  Nf6 2. d4   d5 3. c4   e6 4. Bg5  h6 5. Bxf6 Qxf6 6. Nc3  c6 7. e4   dxe4 8. Nxe4 Bb4+
9. Ned2 c5 10. a3  Bxd2+ 11. Qxd2 O-O 12. dxc5 Rd8 13. Qc2 Na6 14. Be2 Nxc5 15. O-O Bd7
16. Rac1 Ba4 17. Qc3 Qxc3 18. Rxc3 Bb3 19. Rfc1 a5 20. Kf1 Ra6 21. Ke1 Rad6 22. Rb1 a4
23. h3  f6 24. Nh2 b6 25. Nf1 Kf7 26. f3  f5 27. Ne3 g5 28. Nc2 Kf6 29. Na1 h5 30. Nxb3 axb3
31. Rd1 Rxd1+ 32. Bxd1 Nd3+ 33. Kf1 Nxb2 34. Be2 Na4 35. Rxb3 Rd6 36. g4  Nc5 37. Rb5 hxg4
38. hxg4 f4 39. Ke1 Ke5 40. a4  Kd4 41. a5  bxa5 42. Rxa5 Ra6 43. Rb5 e5 44. Kf2 e4 45. Rb1 Ra2 0-1