Crea sito

La mia analisi: Il materiale è pari. Il Nero ha i due pedoni in e7 e b7 deboli (quest'ultimo è attualmente attaccato in due), il Bianco in d4 (anch'esso attaccato in due). La Tf8 del Nero è migliore della Th1 del Bianco.  Dei due Alfieri del Bianco, l'Ae3 è attualmente un Alfiere "cattivo", che aspetta di attivarsi con la spinta del pedone d4-d5, mentre l'Af3 è molto forte. Dei due Alfieri del Nero, in questo momento l'Ae6 contribuisce ad attaccare in due la Donna del Bianco, però è abbastanza debole dato che è difeso solo dalla Donna. Potrebbe diventare molto più forte sulle case bianche (specialmente sulle diagonali h1-a8 e h5-d1) se fosse possibile eliminare il corrispondente Alfiere del Bianco (ad es. con 1..., Txf3). Bisogna verificare tatticamente il sacrificio della qualità: 1..., Txf3; 2. gxf3 (se 2. DxD, Txe3+; se 2. Dxb7, Txe3+ e Ad5), Dc6; 3. Dd1, Tf8;.  Credo che in partita lo giocherei.

La lezione del GM Schwartzman: Uno degli elementi più interessanti della precedente lezione è stato il termine tedesco "Zwischenzug" che sta per "mossa intermedia". E' quella mossa difficile da vedere a causa del fatto che si trova in mezzo a tante altre. Quella mossa nascosta che proprio da sola determina il cambiamento dell'intera posizione. Nella lezione precedente si trovava in profondità all'interno della combinazione, rendendola ancora più difficile da trovare. Nel caso della posizione attuale, invece, dovrebbe trovarsi un pò più facilmente.
La storia di questo puzzle è molto interessante. Dopo aver fatto l'ultima mossa, Smyslov propose la patta proprio nella posizione in esame. E Botwinnik l'accettò. Ma allora, perchè mai dovremmo perdere il nostro tempo su questa posizione? Bene, la risposta non sta in quello che accadde, ma in quello che sarebbe potuto accadere!
In circostanze normali, credo che sareste d'accordo con la scelta fatta da Botwinnik. Dopo tutto, le Donne stanno per essere cambiate, il che avrebbe semplificato drasticamente la posizione. Con tutti quei pedoni deboli da entrambi le parti della scacchiera sembra proprio che una patta sarebbe stato il risultato di una lunga e prolungata lotta.
 In parte la ragione per cui il cambio delle Donne è così importante per il Bianco risiede nella debolezza del proprio Re. Non solo non ha alcuna chance di arroccare, ma si trova anche in un campo troppo aperto, non certamente favorevole alla sua sicurezza. E con la Donna, le due Torri e la coppia degli Alfieri presenti per entrambe le parti, ci sono certamente abbastanza pezzi per riceverne un grave danno. Ma nessuno di questi pezzi è pericoloso come la Donna. Metterla fuori gioco sarebbe la via più breve per togliersi fuori dai guai, e questo è precisamente quello che il Bianco si propone di fare.
Dal punto di vista del Nero questo ovviamente non è piacevole. Ma con l'Alfiere in e6 ed il pedone b7 sotto pressione, non ci sono molte buone case dove andare, per la Dc4. Allo stesso tempo, il Nero sente che anche un sacrificio sarebbe sopportabile, pur di conservare la Donna. E questo sacrificio potrebbe essere: 1..., Txf3!
Come ben sapete, sacrifici posizionali della qualità se ne incontrano spesso. E raramente se ne può vedere uno più ovvio di quello che può essere effettuato nella nostra posizione in studio. Guardiamo solo a quante cose succedono dopo le mosse 2. gxf3, Dc6;.  Prima di tutto, le Donne rimarranno ancora sulla scacchiera! Se aggiungete le debolezze che si creano sul lato di Re del Bianco, e la coppia degli Alfieri che adesso il Nero possiede, possiamo dire che c'è compenso più che sufficiente per il sacrificio della qualità. Questo fatto diventa ancora più ovvio dopo gli sforzi senza speranza del Bianco di salvare un pedone:  3. Dd1, Ad5!; 4. Th3, De6!;. 
Con la Torre in h3 ed il pedone a2 entrambi sotto il fuoco, il Bianco dovrà cedere il pedone. La posizione risultante è senza alcun dubbio in favore del Nero, una posizione per la quale sarebbe certamente valsa la pena combattere. Ma allora, come è possibile che un giocatore del calibro di Botwinnik si fece scappare una tale opportunità? Naturalmente lui aveva visto 1...Txf3 e la posizione finale che abbiamo raggiunto, e gli era senz'altro piaciuta. Ma quello che vide anche fu che il Bianco, invece di prendere la Torre, avrebbe potuto giocare 2. Dxc4.  E se il Nero riprende la Donna, allora il Bianco cattura la Torre ed acquisisce entrambi i vantaggi: la qualità in più e le Donne cambiate!.
Quello che Botwinnik non aveva visto, come lui stesso ammetteva nel dopo-partita, era che invece di riprendere la Donna, avrebbe potuto giocare la forte mossa intermedia
2..., Txe3+! A causa dello scacco, non viene dato alla Donna Bianca il tempo per sfuggire. E allora, sia che si fosse sacrificata in e2 per difendere il Re, sia dopo 3. fxe3, Axc4;, in entrambi i casi il Nero sarebbe rimasto con i due Alfieri per una Torre in una posizione eccezionale. Come Botwinnik stesso ammise, non avrebbe certamente accettato la patta, se avesse visto questa mossa intemedia. Questo è il motivo per cui vedere una Zwischenzug, una "mossa intermedia", non solo è difficile, ma spesso è vitale...

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
N.d.T.: La posizione iniziale è tratta dalla seguente partita (16.ma mossa)
Smyslov, Vassily - Botvinnik, Mikhail (Mosca, 1958)
1.e4 c5 2.Nf3 Nc6 3.d4 cxd4 4.Nxd4 Nf6 5.Nc3 d6 6.Be2 g6 7.Be3 Bg7 8.h4 0-0 9.h5 d5 10.hxg6 fxg6 11.exd5 Nxd5 12.Nxd5 Qxd5 13.Bf3 Qc4 14.c3 Nxd4 15.cxd4 Be6 16.Qb3 1/2