Crea sito

La mia analisi: Il materiale è pari. Il Bianco gode di vantaggio di spazio al centro, con il Ce5 migliore di entrambi i Cavalli del Nero. Ha i due Alfieri, con l'Ag3 che difende il forte Ce5 e l'Ad3 ben piazzato sulla diagonale b1-b7. Le due Torri del Nero sono ben piazzate sulle colonne 'c' e 'd', con Tc8 che già punta il pedone debole in c3. La struttura pedonale del Bianco è però più debole di quella del Nero, perchè soffre della debolezza in c3 e del fatto che è costituita da tre isole pedonali (una è l'ulteriore debolezza a2), mentre quella del Nero è costituita da due isole pedonali (con solo a7 debole). Le Torri del Bianco stanno bene dove stanno, mentre il pezzo peggio collocato del Bianco sembra perciò la Dd1, che potrebbe ricollocarsi meglio in a3 via b3, oppure in e2 a sovraproteggere il Ce5, il pedone a2 stesso e a minacciare l'Ab7 con Aa6 oppure la Donna nera con Ab5.

La lezione del GM Schwartzman:
Ho scelto questo puzzle come un "tributo"  a quella che è forse la cosa più importante a scacchi: il tenere gli occhi aperti e l'afferrare il momento giusto. Spero capirete il mio ragionamento, durante la lettura di questa lezione.
Però nel frattempo, iniziamo con uno sguardo molto attento alla posizione. Non troppe mosse sono già state giocate in questa partita, dato che siamo ancora nella fase iniziale. Tuttavia l'apertura è già in fase avanzata ed alcune importanti decisioni devono essere prese, da entrambi i lati.

Dal mio punto di vista, il Bianco ha una posizione migliore. Ci sono alcune ragioni per pensarla così, come la coppia degli Alfieri, i pezzi più attivi e il fatto che il Bianco dispone di maggiore spazio.. L'aver raggiunto questi lati positivi però ha avuto il suo costo. Specificatamente, la struttura pedonale sembra che abbia subito delle 'ammaccature' in alcuni punti, specialmente se la confrontate con quella senza difetti del Nero. Sto alludendo al pedone a2, isolato e debole; ai pedoni c3 e d4, isolati dal resto dei pedoni e che cercano di sostenersi reciprocamente - qualcosa che chiaramente sta facendo pagare un forte pedaggio al pedone c3 che è stato lasciato indietro, è sotto attacco e non può muovere; e infine il pedone f2 che è stato forzato a muovere in f3 nello sforzo di accorciare l'influenza sulla diagonale dell'Ab7, ma questo ha causato l'indebolimento della diagonale a7-g1, e poichè vi si trova il re bianco, questo fatto è molto importante.
Ma tutto ciò suona come un prezzo terribilmente alto da pagare per i vantaggi sopra menzionati  del Bianco? Io veramente non penso che sia così. Il Ce5 è un monumento all'efficienza e alla potenza. Gli Ad3 e Ag3 del Bianco sono efficaci tanto quanto possono esserlo. E le Torri Tc1 e Te1 esercitano le loro mansioni con estrema efficacia. Devo dire però che non ho parlato abbastanza circa la struttura dei pedoni. Vedete, se confrontate la struttura pedonale con l'attività dei pezzi, c'è una differenza significativa fra le due cose: la prima ha maggiori chance di diventare permanente, rispetto alla seconda. In altre parole, quando parlate del concetto di "attività dei pezzi" , ora ce l'avete e un momento più tardi, anche solo una mossa più avanti, potreste non averla più. Immaginate semplicemente pochi cambi o alcune mosse infelici e la situazione può radicalmente cambiare, avete perso l'attività dei vostri pezzi!
La struttura dei pedoni, invece, ha un carattere più permanente. Qui avete a che fare con qualcosa che è molto più difficile che cambi rapidamente. Penso di avervi mostrato abbastanza esempi di finali per capire quanto importanti siano qui i pedoni e quali siano le conseguenze di entrare in questa fase della partita senza una buona struttura pedonale.  In realtà, il punto che sto cercando di spiegare bene è che in questo tipo di posizioni IL BIANCO DEVE PREOCCUPARSI DI FARE QUALCOSA CON LA PROPRIA INIZIATIVA. In fase offensiva, ogni diminuzione o calo dell'iniziativa o inaccuratezza, può portare ad una posizione in cui i pedoni fanno sentire la loro presenza, in un modo negativo. Ciò è specialmente vero in questo caso, dove siamo in presenza di alcuni pezzi del Nero che non sono, di per sè, mal posizionati: le Torri del Nero sono anche migliori di quelle del Bianco, lo stesso dicasi dell'Ab7, ed è solo quando prendiamo in considerazione i Cavalli che potete trovare una qualche debolezza del Nero. Riguardo ai pedoni, ho già menzionato quanto siano buoni, quelli del Nero.
Questo è il motivo per cui è così importante CAPIRE LA POSIZIONE. Preoccupandoci di quale siano i nostri svantaggi (del Bianco) e quali i nostri vantaggi,, arriviamo a scegliere il piano giusto e le mosse che lo realizzeranno. In questa particolare posizione, essi senza alcun dubbio avranno qualcosa a che fare con l'INIZIATIVA. In modo abbastanza interessante, c'è una mossa, l'unica giusta, che è molto, ma molto facile non "vedere": 1. Ah4!
Perchè dico questo? Perchè in realtà l'Ag3 già sta godendo di un'ottima diagonale. In realtà non c'è nulla che forzi questo Alfiere a muovere nè c'è alcun pezzo del Bianco che sembri "richiedere" di muovere. Tra la Dd1 e l'Ag3 penserei certamente di muovere PRIMA la Donna. Ma questo è il motivo per cui ho detto prima che è molto importante "TENERE GLI OCCHI APERTI". Per un buonissimo periodo di tempo, prima della mossa Cg6 del Nero, si è aperta per il Bianco una finestra di opportunità, una finestra che permette l'inchiodatura del Cf6 sulla De8. Ad una prima occhiata questa inchiodatura non sembra granchè, ma in realtà questa è l'"ammaccatura" che il Bianco sta cercando nella perfetta difesa del Nero. In sè stessa l'inchiodatura non vale molto, ma la posizione la richiede nei confronti del Nero, essendo poi questo incapace di liberarsene in modo indolore.
Se la struttura pedonale del Bianco è così cattiva, niente di quello che potrà fare il Nero la potrà interessare. C'è inoltre il problema del Re nero. Mentre non ho speso molte parole su di esso, è ovvio che tutti i pezzi del Bianco stanno puntando nella sua direzione.. Sfortunatamente i due Cavalli e i pedoni che lo circondano sembrano svolgere un meraviglioso lavoro difensivo, perciò trovare una breccia nella fortezza è molto importante. Questa inchiodatura è proprio la breccia che cerchiamo!
Ci crediate o no, il Nero NON può sbarazzarsene!. La cosa migliore che può fare è rendere l'inchiodatura ancora più effettiva ponendo la sua Donna in e7, ma dopo il salto di Cavallo in g4 si verrebbe a creare per il Nero una situazione molto scomoda. Anche portare il secondo Cavallo in d7 non sembra una buona mossa, dato che il Nero rimarrebbe "avvolto" dai suoi stessi pezzi e diventerà incapace di muoverne uno, cioè, alla fine, qualcosa che si adatterà molto bene con le idee del Bianco.

Fortunatamente, lo stesso accade qualsiasi altra cosa faccia il Nero. In partita egli decise di forzare, almeno, l'Alfiere bianco ad uscire di scena con 1..., Cg6 ma dopo 2.Axf6, gxf6; 3.Cg4
spero sarete d'accordo con me sul fatto che il Bianco ha ottenuto di fare breccia sulla difesa del Nero. Non solo la struttura pedonale del Nero è una caricatura di quella che era all'inizio, ma in contrasto con le debolezze del Bianco che sono sul lato di Donna, quelle del Nero sono subito in prossimità del Re nero, rendendole così doppiamente pericolose. E non dimenticate che il Cg4 è estremamente vicino all'azione, come il rimanente Ad3 e la Te1. Finalmente, la debolezza delle case nere e l'estrema passività della Donna nera, significano che la Donna bianca avrà una "stagione di caccia" molto buona, sopravveniente dalla diagonale c1-h6, qualcosa di cui sarà in grado di avvantaggiarsi già solo dopo una mossa. Ecco come continuò la partita:  3..., De7; 4.Dd2, Rh8; 5.Dh6, Tg8; 6.h4.
Non è che ci sia molto da aggiungere... Il Bianco si è infiltrato con successo sul lato di Re del Nero e ha raggiunto quel tipo di superiorità che manterrà per molto tempo. Nessuna meraviglia che il Bianco l'abbia poi convertita in vittoria. E come è cominciato il tutto? Con una piccola inchiodatura!






---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
N.d.T.: La posizione iniziale è tratta dalla seguente partita (21.ma mossa):
Portisch, Lajos - Pinter, Jozsef (Budapest, 1981)
1.d4 Nf6 2.c4 e6 3.Nc3 Bb4 4.e3 c5 5.Bd3 0-0 6.Nf3 d5 7.0-0 dxc4 8.Bxc4 cxd4 9.exd4 b6 10.Bg5 Bb7 11.Re1 Nbd7 12.Bd3 Rc8 13.Rc1 Bxc3 14.bxc3 Qc7 15.Bh4 Rfd8 16.Nd2 Re8 17.Bg3 Qc6 18.f3 Nf8 19.Nc4 Red8 20.Ne5 Qe8 21.Bh4 Ng6 22.Bxf6 gxf6 23.Ng4 Qe7 24.Qd2 Kh8 25.Qh6 Rg8 26.h4 f5 27.Bxf5 Bxf3 28.Ne5 exf5 29.Nxf3 Qf8 30.Qg5 Qd8 31.h5 Qxg5 32.Nxg5 Nh4 33.Nxf7+ Kg7 34.Nd6 Kf6 35.Nxc8 Nf3+ 36.Kh1 Nxe1 37.Nxa7 Nxg2 38.Rg1 Ra8 39.Kxg2 Rxa7 40.Rb1 Kg5 41.Kf3 Rc7 42.Rb3 Rc6 43.a4 h6 44.Ke3 Re6+ 45.Kd3 f4 46.d5 Re1 47.Kd2 Re5 48.Rb5 Kf5 49.d6 Rxb5 50.axb5 Ke6 51.Kd3 Kxd6 52.Ke4 1-0