Crea sito

La mia analisi: Il materiale è pari. Il Nero ha i pedoni deboli in b7, d6 ed f6. Il Bianco in b2, c4, e4, f2 ed h3. Entrambi le Torri, sia del Bianco che del Nero, non hanno buon gioco, tranne la Th1 del Bianco che potrebbe giocare velocemente su entrambi le colonne 'g' o 'h', a seconda di quale delle due si aprirà, addosso al Re del Nero. Delle due Donne, quella del Bianco ha possibilità migliori di gioco, ad es. sulla colonna 'h' oltre che sulla diagonale h3-c8, mentre quella del Nero potrebbe tentare Dd7, per opporsi appunto alla Donna del Bianco sulla predetta diagonale, oppure Df8, in difesa del Re e delle case nere attorno ad esso. Da queste possibilità si deduce che la Donna del Bianco è più attiva, può giocare certamente all'attacco, mentre quella del Nero solo in difesa. Stessa cosa dicasi per i rimanenti tre pezzi, sia del Bianco che del Nero, con l'eccezione forse del solo Ah4 del Bianco, il cui scopo sembra solo quello di sacrificarsi per permettere l'apertura della colonna 'g' sul Re nero. Il Cf1 ha buon gioco con e3-f5 (f5 ed e6 sono case forti per il Bianco, molto deboli viceversa per il Nero che se le ritrova assolutamente indifese all'interno della propria posizione), mentre il Cc3 ha b5-c7, sia contro l'indifesa ed intrappolata Ta8 che contro qualsiasi altro pezzo del Nero che avrà la sfortuna di venirsi a trovare in e8 o e6. Per il Nero, il Cb8 ha solo d7-f8 per la difesa e nessuna buona casa per il Cf7. Infine, anche l'Ag7 ha il solo scopo di rimanere in difesa del Re, per altro risultando cattivo. Le mosse candidate per il Bianco perciò sono: 1) Dg4, 2) Tg1, 3) Ce3.

La lezione del GM SchwartzmanDi questi tempi circola nell'ambiente scacchistico mondiale una grossa questione in sospeso: quanto è ancora forte Kasparov? Bene, certamente sembra che Kasparov stesso abbia risposto a questa domanda, con la sua notevole performance ottenuta nell'ultimo anno!
Ma allora, come mai la questione è ancora dibattuta? Solo per il fatto che nel frattempo egli non abbia più giocato? No, non è questo il principale motivo! Gran parte di questo motivo risiede invece nello stile di gioco che Kasparov ha sempre portato avanti.
Vedete, un giocatore come Karpov, con il suo stile strategico, può giocare solo per un certo numero di decadi senza che la sua forza di gioco subisca un qualche tipo di degrado. Ma Kasparov? Il suo stile non è di quelli che invecchiano facilmente. Per questo motivo ho scelto questo vecchio puzzle come esmpio.

In definitiva, cosa ci dice questa posizione? Beh, normalmente sareste capaci di rispondere alla domanda in un attimo.
L'Ah4 del Bianco è minacciato, ha una sola casa di fuga in g3. Perciò 1. Ag3 dovrebbe essere la giusta mossa per il Bianco, senza tante discussioni, giusto? Bene, per tutti, forse, sarà così, ma non per Kasparov. Con lui, semplicemente non esiste niente che non possa essere messo in discussione. Solo perchè un Alfiere è sotto minaccia, ciò non significa che debba essere mosso senza tante discussioni. O  no...
Specialmente quando vi è una buona ragione per non muoverlo. Vedete, Kasparov guardò a questa posizione e decise molto velocemente che IL MAGGIORE VANTAGGIO DEL BIANCO CONSISTE NELLA SITUAZIONE IN CUI SI TROVANO LE CASE BIANCHE DEL LATO DI RE. 
Guardate solo quanto sono deboli le case f5, g4, h5 senza la presenza dell'Alfiere di Donna del Nero. Specificatamente, la casa f5 deve attirare la vostra attenzione. Non solo essa è una casa meravigliosa per un Cavallo del Bianco, ma la sua vicinanza al Re del Nero la rende pure molto "funzionale"!
Ma allora, cose deve fare adesso Kasparov? Bene, egli decise che la casa f5 è così importante da non poter permettere che cadesse sotto il controllo del Nero, nè che questi potesse sacrificare in f5 con f6-f5, cosa che lo avrebbe costretto ad occupare la casa f5 con un pedone, anzichè con un Cavallo. Invece di muovere il suo Alfiere, perciò egli decise di giocare 1. Ce3! 
Cosa successe all'Alfiere? Beh, naturalmente il Nero lo prese. Ma dopo le mosse quasi forzate 1..., gxh4,; 2. Cf5, Dd8; 3. Dg4, Cg5; 4. Cxh4 il Cavallo del Bianco riprende il pedone h4. 
Così eccoci qua - il Bianco ha un pedone in più ma il Nero ha conservato l'Alfiere.  In circostanze normali questo non sarebbe un grande affare per il Bianco, giusto?
Ma qui non siamo in circostanze normali... Certo il Bianco non ha più l'Alfiere, ma in cambio ha ottenuto un dominio completo, grazie alla casa f5.


Dopo 4..., Tc7; 5.Cf5 potete vedere bene quello che ciò significa. Il Nero è virtualmente paralizzato - i suoi pezzi non possono muovere, ed il Cf5 del Bianco è come una spina nel fianco! Per giunta, adesso il pedone 'h' ha strada libera lungo la colonna h, provocando durante l'avanzata l'"impacchettamento" di un bel pò di pezzi del Nero... e tutto ciò rende l'intero processo rimarchevole. Se questo fosse stato una combinazione, con il Bianco cioè che sacrifica il possesso di un Alfiere  per riprenderlo un certo numero di mosse più avanti, non sarebbe stato certamente un gran chè come affare, anche se bello a vedersi. In questo caso però, la cosa è differente. Il sacrificio è stato interamente posizionale, è ciò mostra come  Kasparov abbia dato molta più importanza alla posizione che al materiale.
Questo è esattamente il motivo per cui, giocando contro Kasparov, non potrete mai sapere cosa aspettarvi.
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
N.d.T.: La posizione iniziale è tratta dalla seguente partita (.ma mossa)
Kasparov, Garry - Chiburdanidze, Maia (Baku, 1980)
1.d4 Nf6 2.c4 g6 3.Nc3 Bg7 4.e4 d6 5.Nf3 0-0 6.Be2 e5 7.Be3 Qe7 8.d5 Ng4 9.Bg5 f6 10.Bh4 h5 11.h3 Nh6 12.Nd2 c5 13.Nf1 Nf7 14.g4 hxg4 15.Bxg4 g5 16.Bxc8 Rxc8 17.Ne3 gxh4 18.Nf5 Qd8 19.Qg4 Ng5 20.Nxh4 Rc7 21.Nf5 a6 22.h4 Nh7 23.Rg1 Qf8 24.Ke2 Ra7 25.a4 b6 26.Qh5 Kh8 27.Rg6 Rd7 28.Rag1 Rab7 29.Qg4 Rbc7 30.Rg2 Rb7 31.Kf1 Ra7 32.Kg1 Rf7 33.Ne2 Qc8 34.f4 b5 35.axb5 axb5 36.cxb5 Rab7 37.h5 Nf8 38.Qh3 Nxg6 39.hxg6+ Kg8 40.gxf7+ Kf8 1-0