Crea sito

La mia analisi: Il materiale è pari. La situazione è di medio gioco, il Bianco è completamente sviluppato, al Nero manca solo lo sviluppo della Donna. Quest'ultima però, almeno, dalla posizione di partenza difende l'ottava traversa e, insieme all'Ae7, il Cf6 che è il pezzo chiave della difesa del Nero. Sull'unica colonna aperta 'c' già sono piazzate le Torri. Su questa colonna la casa c4 è quella buona per il Nero, c5 per il Bianco. Quest'ultima è più forte perchè il Nero non può attaccarla con pedoni, mentre con b3 il Bianco può attaccare c4. Al centro il Bianco è in vantaggio di spazio, con il forte Ce5 già ben piazzato. Il Nero ha invece un certo vantaggio di spazio sull'ala di Donna, anche se in questa zona il Bianco potrebbe già iniziare a raddoppiare le Torri sulla colonna 'c'. Il Cf6 è in buona posizione solo per la difesa dell'arrocco (casa h7), mentre il Ca5 è assolutamente "fuori gioco" al bordo della scacchiera. I due Alfieri del Nero sono arretrati, comunque in difesa. I due Alfieri e la Donna del Bianco invece già premono sull'arrocco del Nero. Insomma, il Bianco è in posizione d'attacco su questa zona e il Nero deve pensare a difendere bene il proprio arrocco, riposizionare il proprio Ca5, contrastare il gioco del Bianco eventuale sulla colonna 'c'. Il pedone h7 dell'arrocco del Nero è difeso solo dal Re e dal Cf6, è chiaro che il Bianco cercherà di attaccare quest'ultimo, mentre il Nero dovrà cercare di bloccare la diagonale h7-b1. In effetti il centro è bloccato, per cui il Bianco può già pensare all'attacco sull'arrocco, senza timore che il Nero possa contrattaccare al centro. Il Nero potrebbe sperare che il Bianco cambi il Ce5 con Cxd7, Dxd7 (cambio sfavorevole al Bianco, che cede il forte Cavallo centrale addirittura per l'Alfiere cattivo del Nero, oltre che abbastanza passivo), ma il Bianco non sarà così 'sciocco' da fare questo favore. Comunque, il Nero potrebbe rimanere "colpito" dalla assurda posizione del suo Cavallo in a5, tanto più che è l'unico suo pezzo nella "peggiore posizione". Perchè dico questo? Perchè potrebbe essere allettato dal risolvere la sua posizione cercando di applicare un paio dei più famosi principi scacchistici:

  1. REGOLA DEL 90%: nel 90% di tutte le situazioni la mossa corretta per ragioni posizionali funziona anche tatticamente;
  2. MIGLIORARE IL PEZZO PEGGIO COLLOCATO: nel recente libro scritto dai GM Alexander Beliavsky e Adrian Mikhalchishin, "Secret of Chess Intuition", c'è un capitolo intitolato "Improving the worst placed piece" (Migliorare il pezzo peggio collocato), nel quale viene formulata la seguente idea: "L'anziano Makagonov (uno dei primi allenatori di Kasparov) era un forte giocatore posizionale che ha formulato alcuni utili principi generali. Tra questi, il più famoso è quello per cui, in posizioni equilibrate, quando nessuna delle due parti dispone di un attacco diretto o di un piano concreto, è necessario o riposizionare il pezzo peggio collocato portandolo nella sua casa migliore oppure cambiarlo" (pagina 103 del cap. 12). Riporto anche una citazione tratta dal libro di Dvoretsky "Corso avanzato di strategia scacchistica": "Nelle posizioni in cui si può manovrare strategicamente (dove i tempi non hanno importanza decisiva) concentratevi sul pezzo peggio piazzato. L'attivazione di questo pezzo è spesso il modo più sicuro per migliorare tutta la posizione".
    E allora ritorniamo alla nostra posizione: va bene che il Ca5 è il mio unico e solo pezzo "peggio posizionato", ma si può applicare il principio suddetto? O meglio: ne ricorrono le condizioni di applicazione? La posizione è equilibrata? Il Bianco dispone o no di un attacco diretto o di un piano concreto? E' una posizione in cui si può pensare a manovre "strategiche", una posizione in cui i tempi di esecuzione non sono rilevanti? Se il principio del pezzo peggio collocato si trova nelle condizioni favorevoli per essere applicato, non potrà che essere "rafforzato" dalla regola del 90%! Per giunta sembra che il riposizionamento in c4 costituisca un buon "contrattacco laterale" sul pedone debole b2 del Bianco!! Ahimè, credo che il Nero dovrebbe togliersi dalla testa questi principi, non fosse solo che per il fatto che il pedone h7 del suo arrocco si trova già puntato da Ad3 e Dh3, per non parlare dei Ce5 e Af4, mostruosi "moltiplicatori d'attacco"! Per non parlare del fatto che in questa posizione di attacco è invece, paradossalmente, proprio il Bianco che, pur non avendo la mossa, può pensare all'applicazione del principio del pezzo peggio collocato (il Cc3, nello schema d'attacco)!! Il Bianco ha un vero e proprio "attacco diretto" a sua disposizione: senza guardare in faccia nessuno, con Cxd5!! sbatte il mostro in prima pagina!!. Altro che se i tempi hanno importanza! Il Bianco ha una tale fretta di buttarsi sul pedone d5 del Nero, che lo farà immediatamente alla mossa successiva, dopo qualsiasi mossa del Nero!. Ma com'è possibile? Il pedone d5 non è ben difeso? E poi, cosa guadagnerebbe il Bianco da questo brutale sacrificio?. Rimetto la posizione:
    Ci si può accorgere che non è vero che il pedone e6 sta difendendo d5, dato che invece è inchiodato alla difesa dell'Ad7!! Ai "Raggi X" in effetti l'Ad7 risulterebbe attaccato in due e difeso ... solo da Dd8, dato che il Cf6 è troppo "impegnato" a difendere h7. Risulta cioè il Cf6 "SOVRACCARICO" di compiti: non può difendere contemporaneamente h7 e Ad7.
    Bene... anzi, male!! Ciò significa che, volendo salvare il principio del pezzo peggio collocato, in effetti questi NON è il Ca5 ma in definitiva proprio il pedone h7!. Perciò, sempre volendo salvare i due suddetti principi, risulta che la mossa necessaria, la mossa "richiesta dalla posizione", altri non è che una mossa o del pedone h7 stesso o una mossa in sua difesa. Quindi o 1..., h6; o 1. ..., g6. E' chiaro che la prima favorirebbe subito l'attacco del Bianco con 2. Axh6!, sacrificio sicuramente vincente, perciò, in conclusione, la scelta della mossa va alla 1..., g6!!.

La lezione del GM Schwartzman:  Una delle cose più difficili a scacchi è decidere quando attaccare e quando difendersi. Come fate in realtà a sapere quello che c'è da fare sulla scacchiera?. Dovreste solo guardare i colori?. "Se ho il Bianco attacco", oppure il punteggio ELO: "Il giocatore col maggior punteggio ELO attacca sempre". OVVIAMENTE NO!. Il fattore più importante per la decisione dovrà essere dato sempre, dalla reale posizione sulla scacchiera!.
Ma le cose non sono così facili. Ci sono posizioni in cui è chiaro se decidersi per l'attacco o per la difesa. E la posizione in studio è proprio una di queste. Il Bianco ha speso alcune mosse per preparare la pressione sul lato di Re, con i due Alfieri, la Donna e un Cavallo tutti rivolti minacciosamente in direzione del Re Nero. Dato che siamo solo alla 14ª mossa di una Difesa Slava, ciò può essere molto importante.

Nel frattempo il Nero ha impiegato i suoi tempi per prendere l'iniziativa sull'ala di Donna. Tc8, a7-a6, b7-b5 e Cc6-a5 sono state tutte mosse preparatorie tipiche che portano alla classica Ca5-c4, che generalmente è sufficiente a costruire la pressione sul lato di Donna (sui pedoni bianchi del lato di Donna) e così forzare una specie di cambio vantaggioso sulla casa c4.
Perciò, questa è la questione di vitale importanza: il Nero dovrebbe continuare il suo piano e giocare Ca5-c4 o qualche altra mossa aggressiva sul lato di Donna, o dovrebbe piuttosto prendersi un attimo di tregua per fortificare la sua posizione sul lato di Re?. Bene, credo che ci sia un solo modo di rispondere a questa domanda: capire se la minaccia del Bianco è concreta e quanto lo sia. Per fare questo, il Nero ha bisogno di analizzare la sua fortezza e trovarne il punto debole, dato che potete scommettere che il Bianco starà facendo la stessa cosa, esattamente. Fortunatamente, qui è molto facile:  h7. Questo è il pedone che il Bianco ha deciso di attaccare, e già molti pezzi del Bianco lo stanno facendo; se questo pedone dovesse cadere, il Nero avrà perso la partita!
La sola cosa che sta contenendo l'attacco del Bianco è il Cf6, perciò io penso che sarebbe facilmente ragionevole assumere che l'obiettivo del Bianco è quello di sbarazzarsi di questo Cavallo. Potreste essere tentati di pensare che dovrebbe essere il Bianco, e non il Nero, a imbarcarsi in questo processo di pensiero. ERRATO! E' invece molto importante guardare sì a quello che possiamo fare noi, ma anche a quello che l'avversario può giocare contro noi stessi!
Come può perciò il Bianco sbarazzarsi del nostro Cf6? Af4-g5 sarebbe un modo facile di farlo, ma naturalmente questa mossa ci darebbe il TEMPO per prepararci a rispondere... e questo è esattamente quello che Vidmar deve aver pensato quando commise l'errore fatale 1..., Cc4? Quello che Vidmar non aveva realizzato fu che il Bianco aveva a disposizione un colpo molto potente e rapido, che cambiava completamente il carattere della partita in una sola mossa: 2.Cxd5!!
E che mossa! Come un fulmine a ciel sereno arriva questo affascinante sacrificio, lasciando il Nero senza difese. L'idea è molto semplice: c'è solo molto poco da fare, per il Cf6... egli adempie un buon lavoro nei confronti del pedone h7, ma non potete aspettarvi che faccia altrettanto nei confronti del pedone d5 e dell'Alfiere in d7, e così il Bianco si avvantaggia del fatto che il Cf6 è SOVRACCARICO di compiti!!.
Ora il Nero deve giocare 2..., g6, la mossa che avrebbe dovuto fare prima... Prendere il Cd5 immediatamente fallisce per: 2..., Cxd5; 3.Dh7 matto, o se 2..., exd5; 3. Cxd7, Dxd7; [se 3..., h6; 4. Cxf8, Dxf8; 5. Tc2] 4.Axh7+! (questo è il trucco: il Cavallo deve scegliere tra la difesa di h7 e della Donna in d7, e finisce per perdere entrambi) 4..., Rh8; 5. Af5+ con scacco di scoperta che guadagna la Donna.
Ma anche dopo  2..., g6, il Nero è ugualmente perso. Il Bianco semplicemente gioca: 3. Cxe7, Dxe7; 4. Axc4!
E in qualsiasi modo il Nero riprende in c4 dovrà "beccarsi" Af4-g5 con l'inevitabile minaccia Ce5xd7 o Ce5-g4, vincendo il povero Cavallo in f6. Il Nero abbandona alla 19ª mossa...
Per quelli interessati alla posizione dal punto di vista teorico dell'apertura, ecco le prime 14 mosse della partita:1. d4 d5 2. Cf3 Cf6 3. c4 c6 4. cxd5 cxd5 5. Cc3 Cc6 6. Af4 e6 7. e3 Ae7 8. Ad3 0-0 9. 0-0 a6 10. Tc1 Ad7 11. Ce5 Tc8 12. a3 Ca5  13. Df3 b5 14. Dh3 Cc4??


Naturalmente, la mossa giusta sarebbe stata 14..., g6! difendendo il pedone h7 e mantenendo una posizione solo leggermente inferiore.
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
N.d.T.: La posizione iniziale è tratta dalla seguente partita (14.ma mossa):
Frydman, Paulino - Vidmar, Milan Sr (Ujpest, 1934)
1.d4 d5 2.Nf3 Nf6 3.c4 c6 4.cxd5 cxd5 5.Nc3 Nc6 6.Bf4 e6 7.e3 Be7 8.Bd3 0-0 9.0-0 a6 10.Rc1 Bd7 11.Ne5 Rc8 12.a3 Na5 13.Qf3 b5 14.Qh3 Nc4 15.Nxd5 g6 16.Nxe7+ Qxe7 17.Bxc4 Rxc4 18.Rxc4 bxc4 19.Bg5 1-0