Crea sito

La mia analisi: Il materiale è pari, ma senza alcun dubbio il Bianco sta molto meglio. Il Nero, pur arroccato, è indietro di molto nello sviluppo: al massimo gli si possono assegnare 3 tempi (uno per il Cavallo, che attacca l'Ab3 ma che però è ai bordi della scacchiera, uno per l'Ag7 che sembra attaccare bene il pedone e5 ed uno per l'arrocco), mentre al Bianco non meno di 6 (i due pedoni centrali spinti, 4 pezzi in gioco e la Donna che pur trovandosi ancora nella sua casa d'origine svolge un bel gioco sia nella colonna d che nella diagonale d1-h5). Senza contare il vantaggio enorme di spazio al centro, dove già i pezzi del Bianco sono posizionati per l'attacco, mentre quasi tutti quelli del Nero si trovano in posizione troppo difensiva, arretrati e passivi. Guardando più a fondo la posizione dei pezzi del Nero, ci si accorge in particolare di quella della Dd8, bloccata dai suoi stessi pezzi e perciò facilmente attaccabile dalla mossa Ce6. Infatti la Donna non avrebbe case di fuga, se non fosse che attualmente entrambi i pedoni f7 e d7 sembrano difendere bene la casa e6, la casa di entrata dell'attacco mortale da parte del Cavallo del Bianco. Su questi due pedoni il Bianco perciò deve appuntare la massima attenzione: in particolare il primo, dato che il secondo risulta inchiodato sulla colonna 'd'! La prima mossa del Bianco perciò potrebbe essere 1. Axf7+e il Nero non potrebbe riprendere di Torre, dato che perderebbe la Donna, ma con 1..., Rxf7. Nè il Nero potrebbe rispondere allo scacco con la fuga del proprio Re in h8, dato che seguirebbe subito 2. Ce6. Con il Re nero in f7 il Bianco continuerebbe l'attacco con l'immediata 2. Ce6! che costringe in pratica il Nero alla cattura con il Re, realizzando una specie di azione "a cavatappi", essendo riuscito a risucchiare il Re nero da g8 fino in e6, cioè in campo sufficientemente aperto a dargli il colpo di grazia con 3. Dd5+. Un'ultima cosa: è sorprendente che il Bianco si trovi con un così importante vantaggio posizionale, senza che abbia sacrificato del materiale! Evidentemente è stato aiutato molto dal Nero, che non ha curato affatto il proprio sviluppo.

La lezione del GM SchwartzmanScommetto che con questa posizione vi siete divertiti tantissimo, specialmente se avete trovato la mossa di Fischer! La posizione in sè stessa non sembra molto eccitante. Voglio dire: è ovvio che il Bianco ha la posizione migliore - la maggior parte dei suoi pezzi sono sviluppati, ed anche in ottime case, se posso aggiungere. 
Certo, il Bianco ha ancora il proprio Re al centro, ma potrebbe metterlo al sicuro in una sola mossa...Oltre al fatto che tutti questi vantaggi di cui gode il Bianco, sono senz'altro di natura temporanea. Dopo tutto, il Nero sembra avere una posizione estremamente solida. Non sembra avere debolezze notevoli, il Re sembra circondato da tanti suoi pezzi che lo difendono, e in una sola mossa potrebbe sbarazzarsi dell'Alfiere del Bianco che più gli dà fastidio, l'Ab3.
Il Bianco, comunque, non deve lasciarsi sfuggire il fatto che il principale difetto nella posizione del Nero è senz'altro la mancanza di sviluppo e di spazio. Ad eccezione del Ca5, tutti i pezzi del Nero sono in posizione ristretta sulla settima ed ottava traversa. Questo fatto in sè non significherebbe molto, in verità, dato che esistono molti modi di mantenere i propri pezzi in queste due traverse senza perdita di produttività. Il problema reale è invece che i pezzi del Nero, da queste due traverse, non stanno presentando alcun tipo di coordinamento reciproco. Le Torri in a8 e f8 sono distanti fra loro mille miglia, l'Ac8 non può muovere e il Ce8 non sta assolutamente meglio.
Pur essendo squallida la posizione del Nero, il Bianco ha a disposizione un'unica mossa, una soltanto, che gli permette la vittoria immediata. Per il Bianco il pericolo reale, in questo caso, è quello di guardare alla posizione come se fosse una normale posizione d'apertura, con un vantaggio certo, ma ancora senza niente di speciale. Questo lo potrebbe convincere a giocare una mossa come f2-f4, o a trovare un qualche altro modo di difendere il pedone e5, per poi arroccare e giocare una partita molto lunga, anche se facile.
Il segreto per una vittoria immediata in questa posizione è quello di "interessarsi" alla posizione della Donna del Nero, un pezzo a cui non siamo abituati a pensare in questi termini, specialmente quando ancora non è stata mossa. La realtà dei fatti è che la Dd8 è molto limitata, nella propria attività, dai numerosi pezzi del Nero che le stanno attorno. I pedoni, l'Alfiere e il Cavallo le hanno lasciato libere solo due case: b6 e c7. Di queste, b6 è una casa molto sospetta, dato che si trova sulla diagonale g1-a7, sulla quale l'Ae3 sta già facendo un ottimo lavoro di controllo.
Ecco allora che tutto quello che dovete fare a questo punto è realizzare che la Dd8 è anche indifesa, il che significa che il pedone d7 è virtualmente inchiodato. Con un altro piccolo passo in avanti, adesso potete immaginare di attaccarla con Ce6, senza che il Nero abbia la possibilità di catturare il nostro Ce6 con il pedone f7...
Finalmente raggiungiamo il punto cruciale di tutto il nostro processo di pensiero. Una volta compresa la configurazione che vogliamo raggiungere, rimane solo da trovare il modo di realizzarla sulla scacchiera. Potete ringraziare il fatto che in questo caso tale realizzazione non è particolarmente difficile. L' ottima e bella mossa di Fischer è 1. Axf7+!

Hei, se tutto quello che dobbiamo fare è portare il nostro Cavallo in e6 senza che il pedone f7 lo possa catturare, perchè non sbarazzarcene subito? Naturalmente, se il Nero cattura il nostro Af7 con la Torre, allora il nostro compito si realizza facilmente, dato che possiamo giocare subito 2. Ce6 e catturare la Donna nera. Una linea di gioco più eccitante è quella che segue alla cattura dell'Af7 con 1..., Rxf7. Il fatto negativo è che adesso il Re si sostituisce al pedone f7 nella difesa della casa e6, cosa che fa molto bene. Il lato positivo della cosa è invece che adesso il Re nero  al centro può significare solo una cosa: che ci sono grandi opportunità per uno scacco matto!
Non dobbiamo fare altro che testare il modo più ovvio per attirarlo in campo ancora più aperto: 2.Ce6, Rxe6; 3. Dd5+

Se questa non è una posizione fantastica con cui uscire dall'apertura, non so veramente che cosa sia... il Re nero è forzato ad andare in f5, per cui lascio a voi il piacere di trovare tutti i modi possibili con cui potete dare scacco matto al Re nero dopo 4.g4...








--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
N.d.T.: La posizione iniziale è tratta dalla seguente partita (10.ma mossa)
Fischer, Robert James - Reshevsky, Samuel Herman (New York, 1958)
1.e4 c5 2.Nf3 Nc6 3.d4 cxd4 4.Nxd4 g6 5.Nc3 Bg7 6.Be3 Nf6 7.Bc4 0-0 8.Bb3 Na5 9.e5 Ne8 10.Bxf7+ Kxf7 11.Ne6 dxe6 12.Qxd8 Nc6 13.Qd2 Bxe5 14.0-0 Nd6 15.Bf4 Nc4 16.Qe2 Bxf4 17.Qxc4 Kg7 18.Ne4 Bc7 19.Nc5 Rf6 20.c3 e5 21.Rad1 Nd8 22.Nd7 Rc6 23.Qh4 Re6 24.Nc5 Rf6 25.Ne4 Rf4 26.Qxe7+ Rf7 27.Qa3 Nc6 28.Nd6 Bxd6 29.Rxd6 Bf5 30.b4 Rff8 31.b5 Nd8 32.Rd5 Nf7 33.Rc5 a6 34.b6 Be4 35.Re1 Bc6 36.Rxc6 bxc6 37.b7 Rab8 38.Qxa6 Nd8 39.Rb1 Rf7 40.h3 Rfxb7 41.Rxb7+ Rxb7 42.Qa8 1-0