Crea sito

La mia analisi: Il materiale è pari. Il Bianco ha una struttura pedonale inferiore, con a3 ed e3 deboli (isolati) e i due pedoni doppiati sulla colonna c, entrambi deboli. In questo momento i tre pedoni sulle colonne a e c sono difesi, ma a costo di tenere impegnati ben tre pezzi per la difesa. Tuttavia i due pedoni doppiati svolgono l'importante compito di difendere le due case centrali d4 e d5 , la prima insieme al pedone e3 (attualmente completamente indifeso, oltre che isolato). I Re di entrambi sono al sicuro, forse quello del Bianco soffre un pò sul fianco, ma il Nero non ha niente sulla diagonale a7-g1, contro il pedone e3. Le Torri sembrano essere perfettamente pari, la costrizione della Ta1 sul pedone a3 può compensarsi col maggiore spazio sulla colonna 'f'  per la Tf1. La Donna del Bianco non è su una posizione fantastica, ma in compenso quella del Nero non è da meno, così decentrata. E però può sempre dire di far parte di una buona batteria d'azione, insieme all'Ae3 sulla diagonale puntata sull'arrocco del Nero. Insomma, la Donna bianca vince abbastanza il confronto con quella nera. Il discorso è diverso per i pezzi minori: il Cf6 del Nero è sviluppato già su una casa ottima (il pezzo migliore del Nero!), mentre quello del Bianco solo in 2ª traversa. Il guadagno di tempo con Cb3, a scapito della Donna del Nero, non è granchè dato che da b3 il Cavallo non avrà nulla da fare (magari dopo le Dc7 e b6 del Nero). Il fatto è che c'è chi sta peggio... come è il caso dell'Ad3, cattivo e passivo. Non c'è dubbio: il Bianco deve cercare di migliorare la posizione dei suoi due pezzi minori, magari cominciando dall'Alfiere, che sogna la casa d5...Se mai dovesse essere cambiato su questa casa, potrà sempre dire di essersi sacrificato per migliorare la struttura dei propri pedoni. Per raggiungere il suo scopo non ha altro mezzo che 1. Ce4. Buona questa! Minaccia Cxf6, con grave rovina al Re nero, e se il Cf6 si ritira si libera la casa per l'avanzata del pedone f5, anche questa pericolosa per l'arrocco del Nero. Se 1..., Cxe4; 2. Axe4 e l'Alfiere è a un passo dalla casa dei suoi sogni... magari godrà del rinforzo di e4. Se 1..., Dd8; 2. Cxf6+, Dxf6; 3. Ae4, idem come sopra.

La lezione del GM SchwartzmanUna delle questioni più importanti che i giocatori di scacchi  cercano di risolvere, quasi ad ogni mossa, è  "Cosa faccio adesso?". Il motivo per cui ho precisato "quasi ad ogni mossa" è che invece, in realtà,  esistono numerose occasioni in cui la nostra mossa è più o meno automatica, in risposta ad una specifica azione dell'avversario, oppure quando semplicemente cerchiamo di mettere in pratica un piano ideato solo qualche mossa prima. Per tutto il tempo rimanente, in verità, non facciamo altro che cercare "cosa fare". Sono sicuro che potrete confermare, tutti, che vi accade molto spesso di arrivare ad un punto della partita in cui vi sentite completamente incerti su quale possa essere la migliore linea d'azione. A questo punto, solitamente, tendiamo a spendere un mucchio di tempo, senza che questo ci aiuti in qualche modo a "sbrogliare la matassa", a trovare la scelta giusta da fare.
Le cose però non dovrebbero essere poi così complicate, dato che esiste, quasi sempre, una particolare questione che può indirizzarci verso la giusta direzione: "Esiste un qualche modo in cui possa migliorare la posizione di qualcuno dei miei pezzi?". Dopo tutto, gli scacchi sono un gioco che hanno come supremo obiettivo il matto al Re avversario, e però è molto difficile raggiungere tale obiettivo se i propri pezzi non si trovano nelle "giuste" posizioni.
La nostra posizione iniziale è tratta da una vecchia partita tra Botvinnik e Khan, giocata nel 1939 in occasione del Campionato dei Soviet. Essa ci fornisce un esempio perfetto di applicazione della predetta "regola". Come potete vedere la fase di apertura è stata superata da poco e il Nero è leggermente indietro nello sviluppo. D'altra parte il Bianco ha una struttura pedonale tra le peggiori che abbia mai visto, almeno per quanto riguarda l'ala di Donna.
Un buon piano per il Bianco non è molto ovvio. La maggior parte dei suoi pezzi sono già sviluppati, mentre la Ta1 è costretta a rimanere ancora per un pò nella sua posizione iniziale, almeno fino a quando non si sia assicurata che il pedone a3, nel prossimo futuro, non possa diventare facile preda del Nero. La Donna del Bianco non ha molte case a sua disposizione per riposizionarsi meglio, mentre sembra che la Tf1 sia molto contenta di trovarsi dove sta. Perciò, rimangono da valutare le posizioni del Cavallo e dell'Alfiere.
Beh, spero concorderete sul fatto che entrambi non sono riusciti a raggiungere il loro pieno potenziale, nelle case in cui sono stati sviluppati. In modo particolare l'Alfiere, che è intrappolato tra i suoi stessi pedoni, non avendo il privilegio di saltare sopra di essi, come invece può fare il Cavallo. Ecco allora che siamo arrivati al punto, dopo solo una piccola discussione sul carattere della posizione, trovare il piano giusto per il Bianco: migliorare la posizione del proprio Alfiere!
Naturalmente, porsi le domande giuste è di grandissima importanza, ma altrettanto importante è riuscire a trovare le risposte giuste. Nel nostro caso, dobbiamo trovare il modo concreto di migliorare la posizione del nostro Alfiere. Questa è una situazione tipica in cui dovrete sforzarvi di usare al massimo la vostra immaginazione. Dovrete solo guardare alla scacchiera cercando di immaginare la posizione migliore da dare al vostro Alfiere, anche se potrà sembrare impossibile da raggiungere. Solo dopo avergli trovato la casa di ideale postazione, dovreste cercare tutti i possibili modi concreti di raggiungerla, naturalmente se ve ne sono disponibili...
Bene, nella nostra posizione possiamo dire che il Bianco è fortunato, perchè non solo questa casa ideale esiste per il nostro Ad3, ma la può anche raggiungere, in un modo che non è neanche tanto difficile da realizzare. Sto parlando della casa d5! Il segreto dell'azione sta tutto nel portare il nostro Alfiere fuori dalla fortezza dei suoi stessi pedoni, in modo da diventare, assolutamente, molto più attivo. Nondimeno, allo stesso tempo, potremo usare questi nostri pedoni per costruire una fortezza attorno al nostro Alfiere, con l'ulteriore speranza che quand'anche il Bianco ce lo dovesse cambiare sulla casa d5, avremo automaticamente migliorato in modo significativo tutta la struttura dei nostri stessi pedoni. In altre parole, ci saremo messi in una situazione da cui potremo vincere, posizionalmente, in modo agevole.
Bene, rimangono da trovare le mosse concrete da eseguire sulla scacchiera per portare il nostro Ad3 in d5, nelle migliori condizioni. Non dovreste avere dubbi che, a questo scopo, la mossa giusta sarà 1. Ce4!.

Con questa mossa il Bianco cattura due piccioni con una fava: da un lato migliora la posizione del proprio Cavallo, dall'altro minaccia di cambiare al Nero il suo pezzo meglio posizionato, il Cf6, di modo che l'Ad3 potrà procedere indisturbato nella sua rotta verso d5 con Ad3-e4-d5. Il fatto che, in caso di ritirata del Cf6, penda sul Nero la minaccia dell'avanzata di pedone con f5-f6, ci aiuta ulteriormente, dato che questo significa una situazione di "blocco"  del Nero sulla casa f6. Insomma il Nero sarà messo in difficoltà, sulla posizione in f6 del suo Cavallo, dovrà impiegare del tempo ad interrogarsi sul cosa fare della casa f6.
La partita continuò con 1..., Dd8; 2.Cxf6+, Dxf6; 3. Ae4, Tb8; 4. Tad1, b6; 5. h3, Aa6; 6. Ad5

Il Bianco ha realizzato con successo tutti i suoi obiettivi. Tutti i suoi pezzi adesso sono veramente molto ben piazzati, e pronti alla lotta. Ovviamente, la posizione è ancora ben lontana dall'essere vinta per il Bianco, ma è migliorata notevolmente rispetto quella iniziale, e adesso le maggiori chances di vittoria sono tutte per lui. Tutto ciò grazie ad una semplice domanda:" Esiste un qualche modo in cui possa migliorare la posizione di qualcuno dei miei pezzi?"




--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
N.d.T.: La posizione iniziale è tratta dalla seguente partita: (16.ma mossa)
Botvinnik, Mikhail - Kan, Ilia Abramovich (Leningrado, 1939)
1.d4 Nf6 2.c4 e6 3.Nc3 Bb4 4.Nf3 c5 5.a3 Bxc3+ 6.bxc3 Qa5 7.Bd2 Ne4 8.Qc2 Nxd2 9.Nxd2 d6 10.e3 e5 11.dxe5 dxe5 12.Bd3 h6 13.0-0 0-0 14.f4 Nd7 15.f5 Nf6 16.Ne4 Qd8 17.Nxf6+ Qxf6 18.Be4 Rb8 19.Rad1 b6 20.h3 Ba6 21.Bd5 b5 22.cxb5 Rxb5 23.c4 Rb6 24.Rb1 Rd8 25.Rxb6 axb6 26.e4 Bc8 27.Qa4 Bd7 28.Qa7 Be8 29.Rb1 Rd6 30.a4 Kh7 31.a5 bxa5 32.Qxa5 Ra6
33.Qxc5 Ra2 34.Qe3 Qa6 35.Rb8 Qa4 36.Kh2 Ra3 37.Qc5 Ra2 38.Ra8 Qxa8 39.Bxa8 Rxa8 40.Qxe5 Bc6 41.Qc7 1-0