Crea sito

La mia analisi: Il materiale è pari. Il Bianco sembra avere un vantaggio posizionale, nel maggiore spazio al centro e sull'ala di Donna. Solo le Torri del Nero sono ben posizionate sulle due colonne aperte 'c' e 'd', a contrastare efficacemente le colleghe avversarie. I due Alfieri del Bianco sono senz'altro migliori di quelli del Nero, come pure il Cavallo, meglio centralizzato. Anche la Donna del Bianco è migliore, già posizionata per l'attacco sull'arrocco del Nero. I pezzi del Nero sembrano lontani dalla difesa, i pedoni dell'arrocco sono tutti deboli, difesi solo dal Re (solo f7 è difeso anche dall'Ae8). Il Cc6 è difeso in 4 e attaccato in 4 e però prendendo in c6 il Bianco riuscirebbe a creare in c6 un pedone debole. Il Cd4 è a sua volta difeso in 3 e attaccato in 3. Se 1..., Cxd4; 2. Axd4, Txd4; 3. Txc8, Txd1+; 4. Dxd1, Rf8; il Nero rimarrebbe con i due Alfieri contro Ae4 e Tc8 del Bianco. Allora meglio per il Nero sarebbe prendere subito di Torre in d4? No, migliori sono per il Nero Af6 o Ce5, con quest'ultima che porta il Cavallo al centro, attacca la Df3, difende f7, insieme alla successiva Af6. Ad es. 1..., Ce5; 2 Axh7+, Rxh7; 3 Dh5+ Rg8; 4Dxe5, Af6; e per il Nero va bene.

La lezione del GM Schwartzman: 
Lasciatemi iniziare col dire che questo puzzle è uno dei più difficili che mai vedrete in questa mia Accademia degli Scacchi... E' tratto da una famosa partita ed è specialmente dedicato alla coppia di pezzi probabilmente i più potenti sulla scacchiera: LA COPPIA DEGLI ALFIERI... Ma prima di entrare nei dettagli, iniziamo con l'abituale analisi della posizione. Questa volta non posso dire di essere molto felice a giocare con i Neri in questa posizione. Mi piacerebbe trovare una caratteristica positiva di cui essere soddisfatto, ma non posso...
I nostri Alfieri sono passivi, la Donna è sul lato "sbagliato" della scacchiera, il Cavallo è sotto pressione ed il Re è totalmente indifeso. Bene, indovino che possiamo dire almeno che le nostre Torri sono ben poste in c8 e d8, ma questo fatto è troppo poco per fare la nostra posizione la migliore...
Il Bianco, d'altra parte, difficilmente potrebbe chiedere di meglio da una posizione con materiale pari. Ogni suo pezzo è posto alla perfezione. Il Re è assolutamente al  sicuro (eccetto che per la remota possibilità di matto in 8ª traversa), le Torri hanno il controllo delle colonne aperte, la Donna è su una grande diagonale insieme all'Ae4, ed è anche pronta ad attaccare ogni debolezza sul lato di Re, incluso lo stesso Re del Nero. E quando poi vedete l'altro Alfiere in b2, questo diventa ancora più spaventoso...E' su una diagonale perfetta per l'Alfiere, e il pedone g7 può certamente sentirne il "calore", anche se vi è un Cavallo interposto in d4. Parlando poi del Cavallo... in questo momento non può andare in molti posti, ma a parte la grande pressione che pone sul Cc6 del Nero, esso rende pure il pedone e6 "imbarazzato", tal che ne potrebbe derivare, nel vicino futuro, alcuni potenziali problemi.
Facendo il bilancio di quanto detto, è ovvio che il Nero si trova in grossi problemi, in cattive acque. Ma dato che non abbiamo scelta su quale lato della scacchiera stare, la sola questione reale è: "COME FARA' IL NERO AD USCIRNE FUORI?". Bene, sono sicuro che molti in queste circostanze sarebbero tentati di fare una mossa come h6, per parare i pericoli immediati correlati al pedone h7, ma questo sarebbe l'atteggiamento sbagliato. Questa non è una situazione in cui ci possiamo permettere di rimanere "oppressi" per lungo tempo. Ancora un pò sotto questa "oppressione" e saremo completamente schiacciati!. Quello che dobbiamo trovare qui, è un modo di reagire, qualcosa che ci permetta di "ritornare in partita". Ma per adesso, il solo modo di reagire, è in qualche modo quello di preoccuparci della difesa del Re. Abbiamo assolutamente BISOGNO di un pezzo in più sul lato di Re, qualcosa che blocchi la diagonale b1-h7, qualcosa che blocchi l'azione della Donna del Bianco sulle colonne 'g' ed 'h', in una parola, abbiamo bisogno di "teletrasportare" il Cavallo da c6 a g6. Sfortunatamente il "teletrasporto" funziona solo su Star Trek, e non sulla scacchiera, e mentre state aspettando l'avversario che sta fumando una sigaretta o che ritorni dal bagno, io vi potrei consigliare semplicemente di cambiare la posizione del Cavallo... Silenzio, potrebbe sentirci :).
Perciò, usando i mezzi più convenzionali degli scacchi, ci sono due modi di portare il Cavallo da c6 in g6: Cc6-e7-g6 e Cc6-e5-g6. Non abbiamo realmente il tempo di muovere prima l'Alfiere da e7, così dobbiamo scegliere il secondo percorso... ed ecco che arriviamo alla conclusione che
1..., Ce5!! è la mossa giusta.
Credo che tutti voi abbiate raggiunto a mente questa posizione e che molti avranno pensato che io sia diventato pazzo. Dopo tutto, anche un giocatore di classe D può vedere che il Bianco ha a disposizione una combinazione molto semplice che presumibilmente rovina tutto il divertimento al Ce5: 2.Axh7+, Rxh7; 3.Dh5+, Rg8; 4.De5 (vedi il prossimo diagramma per la posizione finale risultante).




Così, abbiamo perso un pedone, questo è certo. Ma la questione reale è: "NE E' VALSA LA PENA?". Ad una prima occhiata questa sembra una domanda abbastanza stupida. Abbiamo perso un pedone, la Donna e l'Alfiere del Bianco sono potenti come prima e il Cd4 non s'è dovuto disturbare di nulla nell'affrontare la sfida posta dal Cavallo del Nero. Cosa potreste chiedere di più da una posizione, col Bianco?. In realtà, anche se la posizione del Bianco potrebbe sembrare solida, sta per cambiare molto rapidamente, grazie al nuovo fattore ora in possesso del Nero: LA COPPIA DI ALFIERI ATTIVI! In solo una manciata di mosse, il Nero sarà capace di provare che egli ha pieno compenso per il pedone in meno, non solo perchè nel processo di sacrificio del pedone si è sbarazzato dell'Alfiere del Bianco su case bianche, e così eliminando la maggior parte delle minacce sul lato di Re, ma anche perchè adesso è finalmente in grato di afferrare l'iniziativa, cosa che spesso può valere molto di più di un semplice pedone.
La prima mossa, necessaria, è chiaramente 4..., Af6.Questa mossa costringe la Donna a ritirarsi in h5, e stabilisce anche una inchiodatura molto importante sul Cd4, che improvvisamente diventa inamovibile. E non è tutto. Adesso un altro pezzo potrà entrare in gioco: l'Ae8. Perciò diamo un'occhiata alla posizione dopo 5.Dh5, Aa4! (vedi il prossimo diagramma per la posizione finale risultante).




Guardando adesso a questa posizione, si capisce il significato della prima mossa 1..., Ce5?. Il solo vantaggio rimasto al Bianco è il pedone in più. Ogni altra cosa è a vantaggio del Nero. Due grandi Torri, due bei Alfieri, una Donna finalmente nella posizione giusta. I pezzi del Bianco, d'altra parte, improvvisamente mostrano una totale mancanza di coordinazione. La Donna in h5 è fuori dal gioco, la Td1 deve abbandonare la colonna 'd' per motivi tattici connessi al Cd4 e la mancanza di difesa dell'Ab2 lo rende suscettibile di subire qualche combinazione. Possiamo dire sicuramente che la posizione del Nero è diventata superiore. Raramente ho visto un esempio così eloquente di un apparente errore, che in realtà si dimostra essere la mossa migliore...
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
N.d.T.: La posizione iniziale è tratta dalla seguente partita (19.ma mossa)
Bogolijubov, Efim - Janovski, David Markelowicz (New York, 1924)
1.d4 d5 2.Nf3 Nf6 3.c4 dxc4 4.e3 e6 5.Bxc4 c5 6.Nc3 Nc6 7.0-0 Be7 8.Qe2 0-0 9.Rd1 Qc7 10.a3 a6 11.dxc5 Bxc5 12.b4 Be7 13.Bb2 Bd7 14.Rac1 Rac8 15.Bd3 Rfd8 16.Ne4 Nxe4 17.Bxe4 Be8 18.Nd4 Qb6 19.Qf3 Ne5 20.Bxh7+ Kxh7 21.Qh5+ Kg8 22.Qxe5 Bf6 23.Qh5 Ba4 24.Re1 Qd6 25.h3 Bc2 26.Qf3 b5 27.Qe2 Ba4 28.Qf3 Rc4 29.Ba1 Rdc8 30.Rb1 e5 31.Ne2 Bc2 32.Rbc1 Be4 33.Qg4 Bb7 34.Rxc4 Rxc4 35.f4 Qd2 36.Qg3 Re4 37.Bc3 Qd5 38.Bxe5 Rxe3 39.Qg4 Bxe5 40.fxe5 Rxe5 41.Kh2 Qd2 42.Qg3 f6 43.h4 Bd5 44.Qf2 Bc4 0-1