Crea sito

La mia analisi: Il Bianco ha un pedone in più e la migliore struttura pedonale. Solo il pedone a4 è debole, mentre il Nero ha deboli i pedoni a7, c3 ed e6. Il primo è completamente indifeso dall'attacco della Tf7 mentre gli altri due devono essere difesi dai due pezzi, che in questo momento hanno ben altro per la testa che pensare alla loro difesa. La Donna nera sembra vincere il confronto con quella bianca, dato che è centralizzata, sta tenendo sotto scacco il Re bianco e sta cooperando attivamente con la Tc2 (insieme si danno una mano a tenere su, pronta, la rete di matto da buttare addosso al Re bianco). Sembra che i due pezzi del Bianco vorranno lavorarsi "da dietro" il pericoloso pedone avanzato del Nero e qui bisogna dire che da questo punto di vista entrambi i pezzi del Bianco sono avvantaggiati: la Torre del Nero starebbe meglio in c4, a sostenere il pedone c3, magari in accoppiata con la Donna sulla stessa colonna. E' chiaro allora che, posizionalmente, sarà meglio bloccare lo scacco con 1. e4 anzichè con 1. Tf3, anche se questo significa perdere il vantaggio del pedone in più. Rimane al Bianco il vantaggio di mantenere la Tf7 in posizione attiva, mentre in f3 risulterebbe addirittura inchiodata sul Re. Quindi 1. e4, Dxe4+; 2. Rh3

La lezione del GM Schwartzman:  

Dovete ammetterlo - non c'è niente di meglio di una posizione in cui uno dei due giocatori abbia il Re sotto scacco. Voglio dire: in questi casi potete facilmente restringere di molto il campo delle mosse "candidate". Nella nostra posizione potete addirittura eliminarne ancora di più! Per esempio, potete eliminare subito sia Rg1 che Rf1, a causa del matto rispettivamente da c1 e da h1. Il pedone f è inchiodato sulla 2ª traversa... e anche Rh3 fallirebbe piuttosto ovviamente, a causa dello scacco Dh5+ seguito dalla cattura della Tf7. Per questo motivo possiamo prendere subito in considerazione le uniche due mosse che contano: 1. Tf3 ed 1. e4. Un consiglio: nel valutare le mosse candidate iniziate sempre da quelle che non vi fanno perdere subito del materiale... perciò 1. Tf3 è la mossa candidata da valutare per prima.

Lasciatemi iniziare menzionando quella che è, forse, la cosa più importante che riguarda questa mossa. Vi renderete conto che il consiglio che vi ho dato poco fa, quello riguardante le mosse candidate da valutare per prime, in realtà può trarvi in inganno! Perchè? Perchè se è vero che rispetto alla mossa 1. e4 adesso il Nero non può catturare nessuno dei nostri pezzi o pedoni, l'inchiodatura della Tf3 ci potrà costare molto di più!  Pensateci solo un attimo mettendo a confronto le due situazioni: da un lato vedete catturare un vostro pedone, che lascia per sempre la scacchiera, dall'altro lato non avrete perso il pedone, a costo però di immobilizzare, auto-inchiodandosi, uno dei vostri pezzi più importanti e attivi. Beh, potreste dire, sarà una cosa solo passeggera, momentanea, però credetemi se vi dico che può avere un effetto estremamente negativo il fatto di dover stare sulla scacchiera, anche per una sola mossa, in pratica con una Torre in meno perchè bloccata da una inchiodatura.
Il mio "messaggio" allora è questo: guardatevi sempre bene dalle mosse che provocano l'inattività di uno qualsiasi dei vostri pezzi! Sia che la causa sia un'inchiodatura o qualsiasi altra, dovrete raddoppiare la vostra attenzione ed accuratezza nella scelta della mossa da fare! Non date per scontato che ogni cosa ritornerà al suo posto solo perchè pensate che in poche mosse potrete sbarazzarvi dell'inchiodatura e riattivare il vostro pezzo. Per assicurarvi eventualmente di avere questa possibilità dovrete EFFETTIVAMENTE CALCOLARE TUTTO. Nella nostra particolare posizione, il calcolo ci dirà che le cose in effetti non ritorneranno così bene "al loro posto"!
Perchè? Perchè il Nero potrà replicare con una mossa molto semplice: 1..., Tc1. A questo punto, improvvisamente, la minaccia di Dd1 seguita dal matto con Df1 diventerà estremamente reale! Allo stesso tempo, il "movimento" della Torre nera ha dato spazio al pedone c3 per la sua corsa verso la desiderata promozione. Si prospetta uno scenario niente affatto piacevole per il Bianco, la cui posizione è aggravata dalla situazione di "blocco" in cui si trovano sia il Re in g2 che la Torre in f3! Tra l'altro, vediamo che la nostra Donna è stata lasciata in solitudine, per giunta senza alcuna possibilità di intervenire in qualche modo, a "mettere una pezza" all'avventata mossa della propria insubordinata Torre! Potrebbe dirigersi verso la casa c6, e sperare che il Nero prosegua nell'intenzione di portare la Donna in d1, così da poter dare uno scacco al Re nero da e4: certamente così le cose ritornerebbero a posto per il Bianco! Ahinoi, il Nero non è affatto uno stupido, ma niente popodimeno che il Campione del Mondo Alekhine: questi avrebbe replicato a 2. Dc6 con 2..., Dxc6 e dopo 3. bxc6, c2; avrebbe raggiunto una chiara posizione vincente.

La ragione della vittoria del Nero starebbe ora tutta nient'altro che nella posizione del pedone in c2. La minaccia dello scacco di Torre in g1, seguito dalla promozione del pedone c2, è proprio impossibile da parare. La manovra sarebbe poi così veloce che il Bianco non avrebbe il tempo di promuovere il proprio pedone c6. E per quel che riguarda adesso la posizione della Tf3 del Bianco, anche se non soffre più dell'inchiodatura originaria, risulta così mal posta nella casa f3 che mai e poi mai avrà una qualche possibilità di aiutare il Re bianco  a farsi luce dal "buco nero" in cui si è cacciato!
In conclusione: se il Bianco non riesce a trovare una via alternativa a tutto ciò, si potrà considerare spacciato. Ma il Bianco HA questa possibilità, questa mossa "alternativa", perciò è il momento di tirarla fuori dal cappello della Fortuna, ed analizzarla: 1.e4!

Naturalmente, il Nero non avrà niente di meglio che replicare con 1..., Dxe4+.  Mah, direte voi, che cosa diavolo ha ottenuto con ciò il Bianco, se non ritrovarsi di nuovo sotto scacco, per giunta dopo aver "regalato" quell' unico pedone extra che poteva vantare? Senza contare che la parata dello scacco con Tf3 riproporrebbe tutte le caratteristiche negative dell'auto-inchiodatura prima dette!
In realtà dovremmo accorgerci che una cosa è invece cambiata, nel giudicare la posizione che si è venuta a formare sulla scacchiera! Il sacrificio del pedone e4 darà adesso al Bianco l'opportunità di rispondere allo scacco in un modo completamente differente. Questa volta, la fuga con 2. Rh3 funzionerà! Vi renderete conto che adesso il Nero non ha più a disposizione la casa h5 per la proria Donna, per quanto la rivorrebbe indietro, questa disponibilità! Insomma, il risultato è che il Nero non avrà più a disposizione alcuno scacco.  
E cosa dire dell'altro piano del Nero? Potrà semplicemente continuare con l'idea di spingere il proprio pedone c3? Vediamo solo cosa succederebbe dopo 2..., Tc1Il Bianco replicherebbe con calma con 3. Tf8 e se il Nero giocherà con poca cura 3..., c2, si ritroverà con la brutta sorpresa della minaccia di matto in h8, dopo la 4. De8 del Bianco.

Risultato? Una posizione persa per il Nero! E il bello è che siamo partiti da una variante completamente persa per il Bianco, e siamo arrivati a trovarne una che invece è vincente per lo stesso Bianco! Sfortunatamente, questa variante non è forzata per il Nero: non appena questi realizza infatti di essere lui il giocatore in posizione nettamente perdente, si darà certo da fare per trovare il modo di giungere almeno alla patta.




E lo troverà, alla seconda mossa.  2...h5 è la mossa giusta, perchè gli permette di preparare uno scacco molto importante in g4. E questo è il modo in cui, dopo 3.Tf8, il Nero riesce ad ottenere la patta, grazie  agli scacchi "di pattugliamento" tra g4 ed e4: 3..., Dg4+; 4.Rg2, De4+; 5. Rh3, ecc.







Non viè niente di sbagliato nel cercare la patta, specialmente quando l'alternativa (1.Tf3?) porta al completo disastro... Perciò, ancora una volta, il mio suggerimento è: ricordate sempre di controllare due volte una variante prima di permettere che uno qualsiasi dei vostri pezzi diventi inattivo, anche per una sola mossa!