Crea sito

La mia analisi: Semplice. Il Nero deve aver sbagliato qualcosa nell'apertura, se si ritrova con due pezzi indifesi, l'Ad6 ed il Ch5, semplicementi attaccabili in doppio da Dd1!









La lezione del GM Schwartzman
:
Se qualcuno vi chiedesse quale argomento trattano il maggior numero di libri sul gioco degli scacchi, cosa rispondereste? Rispondereste: le Aperture, giusto? Assolutamente vero! Le Aperture sono diventate per molti scacchisti l'aspetto più importante del gioco, e la loro conoscenza sembra essere diventata assolutamente necessaria, cosa che, sfortunatamente spesso, è indubitabilmente vera. Tuttavia, quello che tendiamo purtroppo a dimenticare, è che l'apprendimento mnemonico delle varianti d'apertura non è di per sè un fattore positivo per il miglioramento del proprio gioco, indipendentemente da quanto forte e solida sia la vostra stessa memoria. Il fatto è che le cose più strane, e bizzarre, possono succedere anche alle persone con la migliore memoria. Come ad esempio pensare di ricordare perfettamente una data variante, mentre non è così, eseguire le mosse con molta confidenza mentre inconsapevolmente se ne sta stravolgendo l'ordine delle mosse...Credetemi, questa cosa mi è successa più di una volta, eppure considero la mia memoria ben al di sopra della media...
Il puzzle in questione è un tipico esempio della catastrofe cui può portare un errore del genere... In una ben nota variante della Difesa Indiana di Donna, il Nero è costretto all'abbandono solo dopo 12 mosse o, per essere più precisi, dopo la prossima mossa del Bianco, che molti di voi avranno facilmente trovato. Quello che è successo è stato molto semplice: il Nero ha giocato Cf6-h5, per attaccare l'Af4 e costringerlo a ritirarsi in e3, e successivamente la mossa Af8-d6, desideroso di prendere il controllo della diagonale molto importante b8-h2, oltre che specificatamente della casa f4.
Stabiliamo però subito una cosa, prima di iniziare: l'idea del Nero è molto buona, ed è in effetti quella giusta. Invece, l'ordine delle mosse non è esattamente il migliore... Normalmente il Nero gioca prima Dd8-b8. Ancora la stessa idea per il Nero e, solo DOPO l'arrocco lungo del Bianco, giocherà Af8-d6. C'è differenza? Certo che c'è una bella differenza, ci potete scommettere!
Sembra come se il Nero si fosse completamente dimenticato di questa differenza, o che non ne sia mai stato a conoscenza... Pensando di conoscere perfettamente la variante, il Nero ha fatto rapidamente la sua mossa, ed immaginate la sua sorpresa quando vede la prossima mossa del Bianco. Ma prima di proseguire, voglio rivelarvi i nomi dei due giocatori che hanno realmente giocato questa partita: niente popò di meno che Anatoly Karpov con i pezzi neri, opposto al GM americano Larry Christiansen. La partita si svolse a Wijk aan Zee (Olanda) nel 1993, e poichè  stavo partecipando al torneo, ebbi l'opportunità di essere testimone di una occasione che capita una sola volta nella vita: Karpov che perdeva una partita in sole 12 mosse. Neanche a dirlo, rientrò "a razzo" nel torneo con la successiva partita del mini-match contro Larry, battendolo, come tutti i successivi avversari...
Ritornando alla partita, naturalmente Ad6 è sbagliata perchè pone un Alfiere ed un Cavallo indifesi su case che possono essere attaccate contemporaneamente. Si realizza un fenomeno di 'geometria di pezzi' in cui a dare il colpo mortale è la Donna, e non un Cavallo, come siamo abituati a vedere con le sue 'forchette'. Perciò la mossa precisa del Bianco fu 1.Qd1!

Con l'Ad6 e il Ch5 sotto attacco contemporaneamente, il Nero non ha altra scelta che abbandonarne uno. Come succede spesso in questi casi, il Nero non ha neanche un briciolo di compenso, ragion per cui Karpov abbandonò immediatamente. Dopo tutto, quando giocate contro un GM, un Alfiere o un Cavallo in più sono certamente considerati materiale più che sufficienti per la vittoria...
Non è stato un bello spettacolo vero?. Ringraziate di non avere avuto voi il Nero e, ricordate, non importa quanto bene pensate di conoscere le mosse di una data apertura, spendere sempre un pò di tempo per verificare che tutto "è a posto" può essere molto utile!
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
N.d.T.: La posizione iniziale è tratta dalla seguente partita (12.ma mossa)
Christiansen, Larry Mark - Karpov, Anatoly (Wijk aan Zee, 1993)
1.d4 Nf6 2.c4 e6 3.Nf3 b6 4.a3 Ba6 5.Qc2 Bb7 6.Nc3 c5 7.e4 cxd4 8.Nxd4 Nc6 9.Nxc6 Bxc6 10.Bf4 Nh5 11.Be3 Bd6 12.Qd1 1-0